A scuola di… pasta choux senza glutine! (con foto passo passo)

Una delle basi più utilizzate in pasticceria è senza dubbio la pasta choux: bignè, Profiteroles, Paris-Brest, eclaires… e tutto ciò che la fantasia ti suggerisce. Anche senza glutine si può ottenere una pasta choux perfetta, che non ha nulla da invidiare a quella glutinosa. Il risultato ti sorprenderà, a patto di seguire quelle piccole sfumature che determinano la buona riuscita di piccoli scrigni vuoti pronti per accogliere le creme e le farciture che più ami, dolci e salate.

Ingredienti: (1)

90g di farina di riso molto sottile
30g di fecola di patate
150ml di acqua
90g di burro
un pizzico di sale
3 uova grande del peso di circa 55-60g ciascuno
Per 36 choux 
3
1
2
  •  Metti a bollire l’acqua con il burro a pezzettini e un pizzico di sale(2).
  • Quando il burro sarà completamente sciolto versa le farine miscelate in un colpo solo(3).

4
6
5
  •  Mescola bene  per qualche secondo fino a che l’impasto non si rapprende (4) e staccandosi dalla parete formerà una palla (5).
  • Versa l’impasto in una ciotola e lascia raffreddare per un po’, mescolando l’impasto con un cucchiaio di legno o con un frullino elettrico(6).

7
9
8
  •   Quando l’impasto sarà tiepido unisci le uova, uno alla volta,(7) facendo amalgamare bene prima  di unirne un altro.(8)Dopo le prime due uova  unisci il terzo un po’ per volta… non è detto che sia necessario l’uovo intero:  dovrai ottenere un composto semilucido e della consistenza di una crema pasticcera densa.(9)

10
  •   Trasferisci il composto in una sacca da pasticcere con bocchetta liscia da 0,8cm e forma dei piccoli choux su una teglia imburrata, mantenendo la sacca a 45° rispetto alla teglia, e con un cucchiaino bagnato schiaccia le eventuali creste a punta che potrebbero formarsi.(10)

  • Inforna a 220° per i primi 5-7 minuti di cottura o comunque fino a che non avranno finito di gonfiarsi e cominceranno a colorarsi, quindi abbassa la temperatura a 180° e continua la cottura per altri 15-20 minuti. 
  • Spegni il forno e lasciali dentro a raffreddare con lo sportello aperto.


La ricetta della felicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*