Basmati con spezie e verdure

Ciao a tutti,
la volete una bella ricettina light ma con tanto gusto?
Eccola allora, siam qui apposta!
La cosa più importante in questo piatto sono le spezie. Saranno loro a dare caratterizzazione e sapore a tutto, quindi dovranno essere di ottima qualità. Ho scelto di usarne due in particolare, sono un pò inusuali e anche io le ho scoperte da poco. Non credo che le troverete al supermercato, dovrete andare nel vostro negozio di spezie di fiducia…e se non ne avete uno ditemelo che ve lo consiglio io (ha mille mila tipologie di prodotti e spedisce in tutta Italia).
Ma torniamo a noi, per oggi ho scelto di usare il “lemon mirtle” e il “sumac”.
Ma cosa sono? Come si usano?
Come vi dicevo li ho appena conosciuti, quindi non farò finta di essere un’esperta in materia, ma il negozio dove le compro fornisce sempre informazioni utili a riguardo, quindi vi riporterò “paro-paro”ciò che viene spiegato lì:

LEMON-MYRTLE (fonte: www.tuttelespeziedelmondo.it)

Appartiene alla famiglia delle Myrtacee. È nativo dell’Australia ed è una delle spezie più interessanti di quel continente.
Del Lemon myrtle si usano le foglie disidratate. È una spezia preziosa e costosa, ancora poco diffusa in Europa. Il sapore e il profumo estremamente intenso di limone lo rendono un ingrediente rinfrescante e particolarmente interessante anche nella cucina mediterranea. 
Il Lemon myrtle è largamente usato nella cucina australiana per insaporire pollame e frutti di mare, o per dare un tocco in più a marinate e vinaigrette. È anche ottimo da aggiungere a tè e ad infusi ma soprattutto un uso interessante si ha in pasticceria dove può aromatizzare in modo speciale ad esempio un cheese cake, una panna cotta o dei tartufi al cacao amaro.

SUMAC (fonte: www.tuttelespeziedelmondo.it)
È la bacca rossa di un arbusto selvatico, originaria dell’Iran, che cresce in molti paesi dell’Africa mediterranea. Ha un intenso sapore fruttato e asprigno e una volta seccato e polverizzato viene utilizzato (particolarmente nella cucina libanese) per acidulare le preparazioni gastronomiche (analogamente a come viene utilizzato il limone da noi o il tamarindo in India) ma anche, semplicemente, da spargere su pani o insalate (per es. il fattoush). Spesso è anche utilizzato nelle marinate per pesce e conchiglie, kebab di agnello e stufati di carne. Aggiunto allo yogurt con olio e uno spicchio d’aglio schiacciato se ne fa una salsina da antipasto per intingere pane e verdure crude. Spesso in Medio Oriente viene portato in tavola in una ciotolina assieme al peperoncino in polvere come condimento quotidiano da utilizzare a discrezione.

Ora che sapete cosa sono e come si usano vi posso dire che io le adoro insieme e in particolare le uso tantissimo con il riso basmati, come in questo caso, e con il pollo.
Ingredienti (per 2 persone):
1 bicchiere di riso basmati
2 bicchieri d’acqua
1 cucchiaino colmo di lemon mirtle
1 cucchiaino colmo di sumac
1 carota
5/6 pomodorini datterini
una manciata di fagiolini cornetti
1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
1 cucchiaio scarso di sale grosso
1 cucchiaino di sale fino
Procedimento:
Mettete il riso e l’acqua in una pentolino e versateci il sumac, il lemon mirtale e 1/2 cucchiaino di sale fino. Mescolate bene, accendete il fuoco e coprite con un coperchio. Cuocete per 5-10 minuti,  fino a che il riso avrà assorbito l’acqua.
In un altro pentolino fate bollire dell’acqua con un cucchiaio scarso di sale grosso e poi cuocetevi all’interno i fagiolini mondati e tagliati a pezzetti e la carota anch’essa mondata e tagliata a cubetti.
Intanto tagliate in 4 pomodorini.
 Trascorsi 5 minuti dal bollore scolate le verdure, unite tutti gli ingredienti in una ciotola (riso, verdure cotte e pomodori), condite con un cucchiaino di olio extravergine di oliva e mescolate bene.
È un piatto molto leggero e saporito, buono da servire sia caldo che freddo. BUON APPETITO!

Con questa ricetta partecipo al 100%Gluten Free (Fri)Day


Spadellatissima!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*